venerdì 13 marzo 2009

G20 Londra;Usa (Geithner),FMI (Strauss Kahn) eFSF (Draghi) alleati con la grande finanza che vuole soldi statali per scaricare titoli tossici

Al G20 di Londra di questi giorni che prepara quello di Aprile coi capi di governo,si coordinano le alleanze ufficiali e ufficiose contro la crisi.
Gli interessi della finanza mondiale sono fortissimi,e per motivi diversi c'è una convergenza fra questi e gli USA,l'FMI e l'FSF.
Il segretario del tesoro USA,Geithner,da il via libera agli aiuti a ripulire parzialmente le banche dai titoli tossici dei grandi speculatori e quantifica questa operazione in almeno 1.000 miliardi di dollari.Questa notizia è la ragione del rialzo delle borse in questi giorni.

Il direttore dell'FMI,Strauss Kahn,invita gli stati a tirar fuori altri 1.200 miliardi di dollari per ripianare in parte i titoli tossici delle banche.

Il presidente dell'FSF,Mario Draghi,ieri ha dichiarato che occorre "una forte priorità al credito" e "misure aggressive". Che sintonia!Quasi quasi gli scappava un bel "E dateci stì miliardi coi soldi pubblici che coi toxic c'abbiamo rimesso un sacco di soldi!".

Ma Francia e Germania non ne vogliono sapere e chiedono invece più controlli per le banche e la finanza.Gli interessi nazionali diversi fra le nazioni sono in conflitto,ma la forza della rendita finanziaria (che è trans-nazionale, perchè è di ceto/classe) alla fine vincerà,è sicuro.
E i soldi si tireranno fuori , i controlli saranno labili, mentre nessuna tassa sulle transazioni borsistico/valutarie (Tobin tax) sarà adottata.

Intanto,Draghi continua la sua eterna lite con Tremonti;ieri Tremonti se n'è uscito con un nazional-popolare "I prefetti controllino le banche" e subito Draghi gli risponde picche"Le banche le rappresento io e le controllo io".

Chi pagherà questi giganteschi scontri tellurici fra nazioni e potere trans-nazionale delle ricchezze?
Anche questo è sicuro;lo pagheranno in tutto il mondo gli stipendi di chi lavora,la qualità del loro lavoro e della loro vita,le loro pensioni,i loro ospedali e le loro cure,i loro figli.
A meno che qualcosa non lo impedisca.

2 commenti:

Pensatoio ha detto...

L'asse banche/imprese domina questa crisi, ma rischia di farla aggravare o di mettere i presupposti per una crisi più grave.

Altromedia ha detto...

Sì,e la lotta continua in questi giorni.